Home > Società > Vis A Latere

Vis A Latere

8 Aprile 2009

 

 

 

 

 

Si tende ad occupare il vuoto, i silenzi, senza preoccuparsi di come vengano riempiti.

Sembra che si abbia quasi paura di ritrovarsi soli con se stessi, ad ascoltarsi.

Paura di camminare senza l’idea di una persona accanto. Dico idea perchè molte coppie sono sole con l’idea di un compagno ormai irrimediabilmente mutato nella caricatura di qualche anno fa..

 

Dicono che l’innamoramento cessi dopo i primi due anni, che poi insorgano continue prove per fortificare e far maturare questa piccola creatura che è l’amore.

All’inizio eros, totale abbandono, poi amore, affetto, condivisione e progetto di vita, magari anche un frutto divino.

Ma , spesso, i progetti di vita sfumano e ci si gaurda come due estranei dentro un tetto comune troppo stretto per contenere entrambi invisibilmente.

 

Ecco perchè adoro il mio silenzio, i miei passi nel lungo andito, il non dover rendere conto a nessuno se la domenica non esco o se esco.

Sto bene senza l’assillo di un msg ogni mezz’ora, senza telefonate da cefalea tensiva,senza la buonanotte, sempre la stessa e con le stesse parole, senza la banalità dei discorsi a casa dei suoi parenti.

 

Sto bene perchè posso ancora sognare , progettare il mio viaggio fuori da questa terra che ormai conosco perchè ho sete di vedere facce nuove e culture diverse.

Voglio avere la libertà di decidere su me stessa senza nessun limite perchè non sta scritto da nessuna parte che io debba abitare dove sono nata. Io voglio autoplasmare la mia carta d’identità senza limiti di sorta.

 

Ecco perchè sto bene ,perchè non ho catene e posso decidere che tutto possa ancora accadere.

 

Non sono mai riuscita a gestire un rapporto per più di 2 anni e mezzo consecutivi..mi sento soffocare, ho fame d’aria .

Forse sono da compiangere ma io fuggo la quotidianeità, vera tomba per me , del sentimento .

 

Non ho mai trovato la scarpa per il mio piede?

Non lo so ma son certa che mi piace camminare scalza, a beneficio della vis a latere,a beneficio della pompa muscolare,del ritorno di sangue al cuore.

Ed il cerchio si chiude.

 

 

Categorie:Società Tag:
  1. 9 Aprile 2009 a 9:19 | #1

    guardare avanti fa sempre bene anche se lo si fa senza le scarpe ai piedi!!!

  2. 9 Aprile 2009 a 13:20 | #2

    … nella fattispecie -ese stava per nuorese…

    Il tuo discorso è condivisibile, è quello che ho fatto anch’io, senza chiedere avallo a chicchessia… poi si torna.

    Un po’ il destino di noi isolani (anche isolati)… Siamo un popolo (come tutti più o meno) sorto dall’incontro di più popoli nel corso della storia… per cui alcuni di noi hanno il gene di Odisseo, altri no…

    Leggendoti e vedendoti possiamo fermarti solo per egoismo… baci, M.

  3. cleide
    9 Aprile 2009 a 22:27 | #3

    Diavolo di una nugoresa! Su questo post ci potrei scrivere pagine, ma non è il caso, non credi?.) Sai che condivido ogni sillaba. Ma sul finale cambierei qualcosa. Ho sempre la brutta abitudine di ascoltarmi.Soprattutto ora che passato il temporale vedo e sento meglio.E ti dico che la quotidianità non è la tomba dell’amore se vissuta con buonsenso e con il rispetto dell’altro. Si può camminare da sole anche con qualcuno accanto. E lo scoprirai quando troverai quella scarpa. Qui o altrove. Ti appoggio anche sull’altrove, ma questo già lo sai.)

  4. celia
    11 Aprile 2009 a 23:39 | #4

    Altrove è dove vogliamo che sia altrove. Qui o da nessuna parte o in ogni parte. Ho sempre pensato che quando si ha desiderio di andare è meglio che lo si faccia, come ho fatto io, come fanno in molti. Andare per cercarsi o per cercare, per costruire un futuro diverso, per conoscere quello che non si è mai visto, per crescere, per innalzarsi culturalmente ma non solo. Se si va per questi motivi l’altrove diventa interessante e sopratutto obbligatorio. Io quando mi sono resa conto che l’altrove era ciò che avevo lasciato sono tornata qui e come Angel ti dico …poi si torna. Però ti auguro di trovarlo dove desideri quell’altrove e di trovare anche la scarpa per il tuo piede. :)

    Un abbraccio e serena pasqua.

  5. 14 Aprile 2009 a 13:44 | #5

    da oggi sono qui!!!

  6. 18 Aprile 2009 a 11:08 | #6

    Capisco perfettam ciò che hai scritto: succede lo stesso a me..forse ero abituata al mio mondo, ai miei ritmi, a nn dover rendere conto a nessuno…e ora mi sento tarpare le ali..Già perchè ogni decisione importante và inevitabilm al vaglio di un compagno che nn fà altro che emanare sentenze…..

    Forse di qs “condivisione” nn si dovrebbe sentire il peso…E nn trovo giusto limitarsi, rinunciare a noi stesse x qualcun altro, che alla fine si rivela molto egoista…Eh si…nn è facile trovare la scarpa giusta…

    Un caro saluto :-) )

  7. LovEnigmA
    18 Aprile 2009 a 11:21 | #7

    Ciao cara amica. Nessuno più di me può capirti (sono presuntuosa). Nelle storie precedenti ho sempre vissuto quella fame d’aria e di libertà, voglia di fuggire di ritrovarmi, egoistica e plausibileautoconsapevolezza di vivere meglio badando solo a se stesse…ora vivo invece una fame diversa, la fame di attenzioni che non arrivano…e più che di libertà, avrei voglia di maggior condivisione…ecco cosa succede quando si ama troppo, quando si trova la scarpa per il proprio piede…ch magari non va bene comunque perchè questa volta siamo noi che vorremmo di più.

    Forse fai bene tu…è meglio una solitudine completa che una solitudine a metà, da condividere con un’altra solitudine. Sei una guerriera sesibile, non cambiare mai.

    Un abbraccio.

  8. LovEnigmA
    18 Aprile 2009 a 13:22 | #8

    Forse mi sono spiegata male…non mi riferivo a questioni economiche, assolutamente!…ma ad attenzioni spicciole, tipo qualche messaggio o telefonata in più, sentirmi dire più spesso quando mi ama e mi desidera, che mi trova bella e che non cambierebbe nulla di me…per il resto con lui ho raggiunto l’equilibrio assoluto…e non lo cambierei mai con nessun altro!!!

  9. 21 Aprile 2009 a 8:52 | #9

    io credo che tu stia così perchè ancora non hai trovato quello giusto…a me han sempre detto che quello giusto da qualche parte c’è e non me lo porterà via nessuno, bisogna avere però mooooooolta pazienza!!son tornata in tiscali, se ti va seguimi!!bacioni!!vania

  10. arial
    26 Aprile 2009 a 20:28 | #10

    Eilà Fanta come stai?

    Leggo e capisco. Sto bene anch’io

    Ti invito a prendere un aperitivo tra vecchi amici.

    Anche se sono secoli che non ci sentiamo.

    Capirai leggendomi.

    Vedrai che sorpresa ti h preparato Insomma se stai sul web, clicca e arriva da me anche tu.

    C’è l’aperitivo che aspetta.

  11. 29 Aprile 2009 a 9:57 | #11

    … quando dicevi … -ano, intendevi americano, italiano… GRANDE!!! (…riflessi lenti… seu dromiu!!!)

  12. cleide
    14 Maggio 2009 a 21:22 | #12

    ciao comare, le foto su catzz vipss mi sono sfuggite ma tu mi hai fatto ridere.)))

  13. cleide
    15 Maggio 2009 a 21:57 | #13

    La vuoi smettere? Mi stava andando una ciliegia di traverso a leggere il tuo commento. Io non lo so come ti escano.)))

  14. LovEnigmA
    16 Maggio 2009 a 10:30 | #14

    ciao dolce amica mia, ti ringrazio di cuore per il commento…condivido in pieno ciò che hai scritto, e devi sapere che prima di conoscere lui ero fermamente convinta che x nessun uomo valesse la pena soffrire…perchè è vero che l’amore è fonte di gioia, ma credimi, anche di tanta sofferenza…perchè più ami, più ti metti in gioco, e più rischi di fraintendere ogni parola o gesto per colpa dell’insicurezza che viene accentuata ancor di più quando si è fragili perchè si è troppo innamorati…

    hai ragione, lui mi fa battere il cuore, è stato così fin dal primo giorno…a volte lo picchierei perchè mi fa star male, così come io faccio star male lui, e capita di chiedermi se non sarebbe più semplice star sola,

    ma poi…poi so che ormai lui è parte di me, e che non potrei nemmeno lontanamente immaginarmi senza di lui…

    a volte lo odio come odio me stessa,

    siamo uniti, siamo la stessa cosa….eppure con lui ho ritrovato la mia identità perchè non c’è niente che non possa fare rispetto a quand’ero sola, lui è tranquillissimo mai possessivo sempre molto tranquillo…addirittura esco più adesso con le mie amiche di quand’ero sola…perchè quando incontri la persona giusta non servono troppe parole, c’è la fiducia, la sensazione di appartenenza totale.

    A volte lo vorrei ancora più premuroso ed affettuoso,

    ma mi rendo conto che si tratta unicamente di paranoie tutte mie, perchè spesso ho poca autostima…

    ma rispetto a tanto schifo che c’è in giro, mi rendo conto che lui è splendido..un vero signore..e l’ho capito fin dal primo appuntamento, ricordi?

    Io ti auguro con tutto il cuore e sono certa che un giorno tutto questo capiterà anche a te, perchè te lo meriti, perchè in fondo non siamo tanto diverse e sono convinta che per essere felice ti basta semplicemente trovare amore vero, sincero, libero…non un surrogato dell’amore, com’è stato per me fino all’anno scorso. Mai accontentarsi, ricordi? Pretendi il meglio per te stessa…e il meglio è ciò che ti fa sorridere perchè sai che non c’è nient’altro che potresti desiderare, oltre un suo abbraccio.

    Ti voglio bene e ti abbraccio.

  15. 21 Maggio 2009 a 15:32 | #15

    Bè, 2 anni e mezzo sono davvero un gran traguardo, io non sono mai riuscita ad arrivare a tanto! ;-) Comunque condivido la tua esperienza sino in fondo e ringrazio il fatto che almeno non ho paura di rimanere da sola!

    Ti sorride il vento

  16. 12 Giugno 2009 a 10:32 | #16

    ciao dea… tornando ad un vecchio discorso, mi sovviene che -ano sta anche per cagliaritano… d’ora in poi dovremo dire cagliarese, come l’antica moneta… baci, Angel

  17. 12 Giugno 2009 a 19:35 | #17

    e a te spaventa la solitudine con te stessa?

I commenti sono chiusi.